Il fenomeno Tananai

Tananai, all’anagrafe Alberto Cotta Ramusino, è cresciuto a Cologno Monzese e deve il suo nome d’arte al nomignolo con cui lo chiamava il nonno per sottolinearne le caratteristiche da piccola peste. Il cantante, arrivato ultimo al Festival di Sanremo, può però definirsi come uno dei vincitori morali. I suoi concerti primaverili sono già tutti sold out e le richieste sono state talmente alte da esser costretto a raddoppiare la data, come nel caso di Milano. La sua “Sesso Occasionale” è, ormai, una hit nelle radio dello stivale e anche il duetto con Rosa Chemichal sulle note di “A far l’amore comincia tu” di Raffaella Carrà risuona costantemente nelle macchine dei ragazzi. Tananai, entrato a far parte dei concorrenti del Festival grazie alla vittoria di Sanremo Giovani, non è però propriamente uno sconosciuto nella scena underground milanese e nazionale. Ha infatti già pubblicato un EP, vari singoli (tra i quali “Baby goddamn” con il quale aveva avuto un discreto successo nel 2021) e ha duettato con Fedez in “Le madri degli altri”, pezzo inserito nell’ultimo album del rapper milanese. Sanremo ha, in ogni caso, tracciato una nuova linea di partenza nella carriera di Tananai e solo il tempo ci darà se diventerà parte di quella lista di cantanti, capeggiata da Vasco Rossi, snobbati dal Festival ma che riescono a fare una grande carriera fuori da esso.